ATTITUDES_spazio alle arti

Strada Maggiore, 90. Int. 16 – 40126 Bologna

Martedì – Venerdì 15.00/19.00

e il sabato su appuntamento

 

back to top

rassegna ``Spazio ai Margini``

FRAMMENTI VERDI

di Francesco De Conno

30.01.2021

“Frammenti Verdi” è il primo evento e si svolgerà il 30 gennaio 2021 alle ore 18 in diretta Facebook sulla pagina di Attitudes_spazio alle arti. In questa occasione, con un’intervista a cura del collettivo Pépinières, l’artista Francesco De Conno presenterà la sua nuova opera “Frammenti Verdi”.

 

LINK ALL’OPERA

(si consiglia di utilizzare Google Chrome da Computer)

 

INTERVISTA E PRESENTAZIONE

Foto Francesco De Conno_Sito

Francesco De Conno (Pisa, 1996) crea per Spazio ai margini un’opera composita dal titolo Frammenti verdi. Il lavoro muove i primi passi a partire dalla suggestione di un fatto storico, lo scandalo dei Balletti verdi dei primi anni ‘60, relativo ad una serie di feste organizzate nella campagna bresciana e frequentate dalla comunità omosessuale, evento che suscitò enorme scalpore e portò ad un’inchiesta con oltre 200 indagati.

L’artista rimane colpito dalla narrazione che venne promossa dalla stampa locale e nazionale, per cui il fatto di cronaca divenne un pretesto per creare un campo di battaglia politico e ideologico tra partiti e istituzioni. Furono in molti a demonizzare l’evento, costruendo una dialettica che proiettava sul tema dell’omosessualità una serie di discorsi morali che ben poco avevano a che vedere con gli eventi o con un reale dibattito sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale.

Così come le altre realtà che abitano i margini, la comunità LGBT+ e le personalità queer sono tutt’oggi oggetto di una forte stigmatizzazione, schiacciate da una serie di narrazioni prodotte da altri attori sociali. La storia e gli immaginari culturalmente imposti e diffusi nel corso dei secoli impongono una loro definizione univoca, impedendone l’autodeterminazione e l’emersione delle sfumature che ne costituiscono l’identità necessariamente più complessa. È un racconto che costringe, toglie spazio vitale e fiato – spiega l’artista – e che non fa altro che accentuarne l’emarginazione sociale, derivante dall’impossibilità di svincolarsi dalla narrazione vigente.

La volontà di Frammenti verdi è dunque quella di ritagliare uno spazio di discorso, raccogliendo diverse voci di personalità queer attraverso la creazione di un’opera-archivio digitale, in cui i punti di vista di vari individui si mescolano nello spazio virtuale, nel tentativo di restituire almeno in parte la polifonia di un gruppo composto da diverse identità. Nell’archivio sono state elaborate e assemblate numerose testimonianze di persone queer, relative al loro modo di vivere la propria identità e abbinate a documenti che mostrano invece un panorama culturale in cui faticano a vedersi riconosciut*.

Sono frammenti verdi, così come era verde il garofano della giacca di Oscar Wilde, fiore che a lungo ha costituito una delle associazioni simboliche più immediate con la comunità omosessuale. Verde anche come il colore del chroma key, tecnologia che viene ampiamente sfruttata all’interno dell’opera per giocare sul concetto di sovrapposizioni, sostituzioni e trasparenze e che, proprio per via delle sue possibilità digitali, l’artista stesso definisce come un colore “particolarmente evidente e tremendamente fragile” al contempo.

L’opera di De Conno analizza le coordinate di questa geografia sociale, evidenziandone l’arbitrarietà dell’imposizione: propone un cambiamento di prospettiva rispetto ai margini, ponendoli al centro della narrazione. Il racconto che ne deriva, proprio perché costituito da individualità eterogenee, risulta necessariamente non univoco, terreno dissestato di incontro composto da frammenti di personalità e esperienze che non possono essere ricondotte ad una sola immagine.

 

Media partner della rassegna: Talassa e Balloon Project